Religione e Fede

La terra della moderna Giordania è stata testimone di quegli eventi che hanno segnato la storia del cristianesimo nel corso dei secoli, dal Nuovo all'Antico Testamento. È proprio per questo profondo significato religioso che vari siti in tutta la Giordania sono stati designati come luoghi di pellegrinaggio e sono stati visitati da Papa Giovanni Paolo VI, Papa Giovanni Paolo II, Papa Benedetto XVI e Papa Francesco nell'ultimo mezzo secolo. Come terra che accoglie la convivenza di diverse religioni, la Giordania conserva e protegge questi luoghi di culto per accogliere i pellegrini provenienti da tutto il mondo.

Religione

  • Madaba

  • Il Luogo di battesimo / Betania oltre il Giordano/ Al-Maghtas

  • Mukawir

  • Monte Nebo

Madaba

Madaba è una combinazione di vita domestica rurale e un punto di riferimento per il turismo religioso. Conosciuta come la "Città dei Mosaici", Madaba è l'epicentro culturale dei mosaici bizantini e omayyadi. A pochi passi dalla capitale i visitatori sono a due passi dai monumenti sacri dell'iconografia religiosa.

Discover more
Il Luogo di battesimo / Betania oltre il Giordano/ Al-Maghtas

Il luogo in cui visse Giovanni Battista a Betania oltre il Giordano, dove Gesù fu battezzato, era noto da tempo dalla Bibbia (Giovanni 1:28 e 10:40) e dai testi bizantini e medievali. Il sito è stato localizzato sulla riva orientale del fiume Giordano, nel Regno Hashemita di Giordania, ed è sistematicamente studiato, scavato, restaurato e preparato per accogliere pellegrini e visitatori. Betania oltre il Giordano si trova a mezz'ora di auto dalla capitale giordana Amman. I siti dell'area di Betania facevano parte del percorso dell'antico pellegrinaggio cristiano tra Gerusalemme, il fiume Giordano e il Monte Nebo.

Discover more
Mukawir

Lo storico giudeo-romano Flavio Giuseppe, del I secolo d.C., identifica l'imponente sito di Mukawir (Machaerus) come il palazzo/fortezza di Erode, il sovrano che i Romani insediarono nella regione durante la vita di Gesù Cristo. Fu qui, in questo palazzo fortificato che domina la regione del Mar Morto, che Erode Antipa, figlio di Erode, imprigionò e fece decapitare Giovanni Battista dopo la fatale danza di Salomè.

Discover more
Monte Nebo

Dalla cima battuta dal vento del Monte Nebo, che domina il Mar Morto, la valle del fiume Giordano, Gerico e le lontane colline di Gerusalemme, Mosè vide la Terra Santa di Canaan in cui non sarebbe mai entrato. Morì e fu sepolto a Moab, "nella valle di fronte a Beth-Peor" (Deuteronomio 34:6).

Il monte Nebo divenne un luogo di pellegrinaggio per i primi cristiani di Gerusalemme e vi fu costruita una piccola chiesa nel IV secolo per commemorare la morte di Mosè. Alcune delle pietre di quella chiesa si trovano ancora al loro posto originale nel muro intorno all'area absidale.

Nel V e VI secolo la chiesa è stata sottoposta ad opere di ampliamento che l’hanno trasformata nella grande basilica che attualmente conosciamo, con la sua splendida collezione di mosaici bizantini.

La Croce Serpentina, che si trova appena fuori dal santuario, è il simbolo del serpente di rame (o di bronzo) innalzato da Mosè nel deserto e della croce su cui Gesù fu crocifisso.

Discover more